Dragon Quest VII: Fragments of the Forgotten Past (3DS) recensione

Vedi Offerta su amazon.it
Il nostro prezzo di valutazione quando rivisto 28 inc IVA

Un meraviglioso remake del classico PS1, ma l'avvio lento di DQ VII e la trama frammentata non riescono a dargli molto di un futuro su 3DS



Annuncio pubblicitario

specificazioni

Formati disponibili: Nintendo 3DS

Dragon Quest VII è il JRPG originale per pittura. Invece di lanciare i giocatori in un enorme mondo tentacolare che possono esplorare da fuori, spetta alla tua banda di eroi ripristinare ogni singola isola una per una, viaggiando indietro nel tempo per salvarli dai pericoli del passato in modo che possano vivere al giorno d'oggi. Più ti immischi nel destino, più grande diventa il tuo mondo, con ogni isola restaurata che riempie un nuovo pezzo della mappa del mondo in continua espansione.

Vedi Offerta su amazon.it



È la classica tariffa del viaggio nel tempo e il tipo di storia paradossale che abbiamo visto centinaia di volte in film, libri e TV. Eppure Dragon Quest VII si ferma a ciò che rende quelle storie così avvincenti, poiché ogni mondo salvato è semplicemente una versione più felice di quella che hai lasciato alle spalle.

Non ci sono conseguenze per le tue azioni e nessun costo devi pagare per aver cambiato la vita di queste persone. Invece, tutto va bene e dandy, il che rende piuttosto deludente la visita di ritorno quando hai trascorso così tanto tempo a piegarti alla tua volontà. Una statua sarebbe stata carina, sai, o una panchina con i nostri nomi sopra - è chiedere troppo?

Vedi Offerta su amazon.it

Certo, probabilmente era troppo indietro quando Dragon Quest VII uscì per la prima volta nei nebbiosi giorni del 2000 per la PlayStation originale, ma dato che questo nuovo remake 3DS (che è la prima volta che il gioco è mai stato ufficialmente rilasciato in Europa) è modernizzato il gioco in quasi tutti i modi possibili, avresti pensato che un paio di piccole targhe non sarebbero andate oltre il regno delle possibilità. Per molto simile ai remake di Pokemon Omega Ruby e Alpha Sapphire, la versione 3DS di Dragon Quest VII vede quella che una volta era un gioco in gran parte 2D trasformato in glorioso 3D, fornendo una nuova vernice per questo vecchio titolo PS1.

A volte, puoi vedere il gemito 3DS sotto il semplice peso della sua ambizione, con pop-in di oggetti e cadute di frequenza dei fotogrammi in battaglia che sono lamentele regolari in tutto. Tuttavia, quando ogni mostro è così magnificamente animato e gli ambienti sono così invasi da dettagli intricati, presto imparerai a guardare oltre i suoi difetti e goderti i suoi canguri saltellanti, armati di spada e le melanzane sorridenti e dagli occhi finti.



È affascinante da incolpare, ma anche la vista delle sue lumache arricciate e sbalorditive non è abbastanza per cancellare quella che è probabilmente l'apertura più lenta e noiosa che abbia mai incontrato in un JRPG. Raccolte missioni e mostra di storie letargiche abbondano, e non è stato fino a circa 90 minuti che ho persino avuto modo di dondolare la mia spada (errare, attaccare) in una lotta da onesto a dio.

Per fortuna, il ritmo alla fine migliora e la superba localizzazione di ogni singolo villaggio (completo di accenti europei e dialetti regionali) fa un ottimo lavoro nel dare a ogni luogo il suo sapore e la sua personalità unici. Alcune storie dell'isola sono più avvincenti di altre, ma raramente si sentono ripetitive. Tuttavia, per tutto il tempo che passa a impostare la premessa centrale del gioco, in realtà fa un lavoro piuttosto scadente nello spiegare perché è necessario salvare queste città in primo luogo, lasciando la narrativa generale piuttosto debole al confronto.

Di conseguenza, l'intero gioco finisce per sentirsi piuttosto frammentato, con queste piccole micro storie che non si alimentano mai realmente in un insieme più ampio e più coeso. Potrebbe essersi tenuto meglio insieme se ci fossero state ripercussioni che dovevi affrontare durante la tua seconda visita, per esempio, o anche una nuova serie di missioni, ma quando ogni città salvata ti vede visitare esattamente gli stessi luoghi di prima (questa volta per trovare altro tavolette di pietra per aprire nuovi portali al passato), così come lo stesso giro di facce vuote, la mancanza di qualcosa di nuovo e diverso ti fa sentire come se stessi semplicemente attraversando i movimenti per raggiungere il tuo prossimo obiettivo.

Combinalo con la sua apertura stancante e temo che la maggior parte dei nuovi arrivati ​​finirà per lasciare incompiuta la mappa di Dragon Quest VII. Tuttavia, se sei stato uno dei fortunati che sono riusciti a giocarci la prima volta, importandoli o giocando all'estero, probabilmente avrai un bel calcio nel vedere il gioco reinventato nella sua nuova forma 3DS.

Detto questo, ci sono sicuramente altri giochi avvincenti che viaggiano nel tempo: Chrono Trigger e The Legend of Zelda: Majora's Mask 3D solo per citarne alcuni - e rispetto a quelli dei più moderni JRPG 3DS come Coraggiosamente predefinito e Xenoblade Chronicles 3D, Dragon Quest VII si sente un po 'troppo caratteristico e rigido per distinguersi davvero. Dipinge un'immagine abbastanza carina quando tutto è stato detto e fatto, ma questo è un JRPG che semplicemente non tollera chi ama colorare al di fuori delle linee.

Vedi Offerta su amazon.it
Lingue
Spanish Bulgarian Greek Danish Italian Catalan Korean Latvian Lithuanian Deutsch Dutch Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Turkish French Hindi Croatian Czech Swedish Japanese