Recensione Sony A6400: il mirrorless dalle dimensioni di una pinta è un pugno

Vedi Offerta su amazon.it

Immagine 1 di 14




Il nostro prezzo di valutazione quando rivisto 949 solo corpo

L'A6400 di Sony offre portabilità senza sacrificare la qualità dell'immagine o la praticità

Lavatrice Miglior Prezzo Pro Eccellente qualità dell'immagine Piccola e trasportabile Ottima qualità video Contro La durata della batteria potrebbe essere migliore La qualità dell'immagine ad alti ISO è carente Pubblicità

Continua la marcia di Sony sugli altopiani del mercato delle fotocamere mirrorless. Non contento di impostare il livello incredibilmente alto per i professionisti con la A9 e la A7, sta portando la sua esperienza anche nella fascia bassa.

Vedi Offerta su amazon.it



Questo mese: la Sony A6400, una fotocamera da 24,2 megapixel da mille libbre che supporta obiettivi con innesto E, offre 424 punti di messa a fuoco automatica e può scattare fino a 11fps piacevoli. È anche solo una macchina fotografica, che consente ai fotografi esperti di portare con sé un sacco di abilità fotografiche anche se i loro zaini sono pieni di elementi essenziali più urgenti.

LEGGI SUCCESSIVO: Le migliori fotocamere che puoi acquistare

Vedi Offerta su amazon.it

Recensione Sony A6400: prezzo e concorrenza

A circa da € 1.300 incluso l'obiettivo 18-35mm f / 2.5-5.6 che abbiamo recensito con, o da € 949 solo per il corpo, l'A6400 affronta una competizione spettacolare. Il nuovo rilasciato Fujifilm X-T30 è un po 'più economico, o c'è il Panasonic Lumix G80, che ha un sensore più piccolo, ma è una scelta eccellente per i cineasti. Per quelli sul recinto di una fotocamera mirrorless, c'è molto altro da trovare altrove.

La Nikon D7500 costa un po 'meno, solo per il corpo, mentre la Canon 77D ha un prezzo simile. Per enfatizzare quanto siano strette le cose nel segno delle migliaia di sterline, anche la Sony riesce a fornire concorrenza nella forma del suo non ancora interrotto A7 Mark II, che nonostante abbia spinto cinque anni, fornisce ancora un sensore full frame da 24 megapixel. Con così tanti pesci nel mare, l'A6400 deve essere eccezionale.



Recensione Sony A6400: caratteristiche e design

È un inizio abbastanza forte. Per prima cosa, c'è la scheda tecnica allettante: il sensore APS-C con 24,2 megapixel potrebbe essere la norma per il corso, ma non molto altro. 424 punti di messa a fuoco automatica, incluso il rilevamento degli occhi, nonché una modalità di scatto continuo a 11 fps, rendono l'A6400 un contendente per qualsiasi fotografo di azione. Più avanti sulle sue modalità video, ma basti dire che la registrazione XAVC in 4K, con S-log disponibile per i coloristi, significa che l'A6400 continua la tradizione di eccellenza cinematografica di Sony.

Immagine 2 di 14

Prendi l'A6400 dalla sua scatola e la prima cosa che ti colpisce è che per mille sterline, in realtà non ottieni molta fotocamera. È una buona cosa: pesa solo 403 g con la batteria installata (ma senza obiettivo) e, con solo 120 mm di larghezza e 67 mm di altezza, è appena più grande di una fotocamera compatta di fascia alta.

Montare un obiettivo e tutte le modifiche, ovviamente, ma con l'obiettivo del kit 18-135 mm f / 3.5-5.6 montato, l'A6400 rimane un dispositivo welter ed è facilmente piccolo e leggero da poter essere aggiunto a uno zaino da spedizione senza alcun impatto sul peso complessivo. È facile da maneggiare: l'impugnatura anteriore potrebbe essere un po 'più profonda, forse, ma è comoda. È ben bilanciato anche con l'obiettivo del kit.

Detto questo, è una fotocamera con innesto a E, il che significa che, mentre sei il benvenuto a servirti degli obiettivi di consumo piccoli e leggeri di Sony, puoi aggiungere tutti i tipi di vetro. All'estremità più oscena, c'è il 400mm f / 2.8 di Sony, perfetto per i fotografi di sport e fauna selvatica con dieci grand che bruciano un buco nelle tasche dei loro pantaloni Duchamp. Ci sono molti obiettivi interessanti nella gamma, come il da € 2.000 100-400mm f / 4-5.6 teleobiettivo o il da € 1.200 24-105mm f / 4. Anche Sigma è in azione, con alcuni dei suoi obiettivi Art professionali disponibili come unità con innesto E.

Immagine 3 di 14

Vedi correlati Le migliori reflex digitali entry-level 2019: il tuo gioco fotografico con le migliori fotocamere per principianti La migliore fotocamera point-and-shoot 2019: le migliori fotocamere compatte da da € 214

Qualunque sia l'obiettivo che attacchi, le dimensioni ridotte dell'A6400 nascondono una fotocamera utilizzabile in modo fantastico. Una rotella sul retro, così come una ghiera accanto alla ghiera modalità, semplifica l'utilizzo delle modalità manuali. Non è possibile tenere premuto un pulsante funzione per accedere all'apertura qui - e i quattro punti cardinali della rotella fungono da scorciatoie per la modalità di guida, la compensazione dell'esposizione e la modalità di visualizzazione dell'EVF e del monitor posteriore.

Praticamente tutti i pulsanti possono essere riproposti per fare cose diverse dai loro valori predefiniti, il che semplifica la configurazione dell'A6400. La fotocamera stessa è piacevolmente ben costruita: la parte superiore e posteriore sono realizzate in lega di magnesio e i pulsanti, sebbene non siano super facili da colpire se indossi i guanti, sporgono abbastanza lontano dal corpo della fotocamera per essere raggiungibili. Sembra una fotocamera resistente e duratura.

Il monitor stesso è un numero di 3 pollici e 921.000 pixel che può essere inclinato verso l'alto e verso il basso per fornire un'inquadratura più semplice quando si scatta ad angoli bassi o alti. Non oscilla verso l'esterno ma può essere rivolto in avanti, per la presunta delizia degli sparatutto selfie ovunque. Il sistema di menu non è sensibile al tocco, ma lo schermo consente di selezionare un punto di messa a fuoco automatica con un tocco. Funziona anche come trackpad quando la fotocamera è tenuta all'occhio, permettendoti di trascinare il punto di messa a fuoco automatica con il pollice. È un sistema straordinariamente intuitivo.

Immagine 5 di 14

C'è un EVF integrato, posizionato all'estremità sinistra della videocamera. Sony lo chiama Tru-Finder, che è un gioco di parole pulito, e puoi scegliere di eseguirlo a 50 o 100 fps, con quest'ultimo soprannominato 'Alta' qualità e teoricamente offre una migliore gestione del movimento. In pratica, abbiamo utilizzato l'A6400 in entrambe le modalità e riuscivamo a malapena a capire la differenza. A parte questo, il mirino è buono - un'unità da 1 cm, 2.359.296 pixel che è stato molto divertente da usare. Il suo posizionamento decentrato sarà insolito per gli abituati della DSLR, ma non ci si abitua e libera il lato destro del touchscreen per il riposizionamento della messa a fuoco automatica.

La durata della batteria è ragionevole piuttosto che eccezionale. Valutato a 360 scatti usando il mirino o 410 usando lo schermo LCD meno affamato di energia, abbiamo trovato l'A6400 buono per circa un giorno di fotografia relativamente intensiva. Adotta un approccio spietato al menu di risparmio energetico e probabilmente potresti allungarlo per alcuni giorni. Si ricarica tramite la sua presa USB, che ti dà la possibilità di ricaricarlo da una power bank ma, in entrambi i casi, è probabile che tu voglia una sorta di alimentazione in movimento.

Recensione Sony A6400: qualità fotografica

La qualità delle immagini è eccellente. La gamma dinamica è buona e l'A6400 ha restituito immagini nitide e stampabili. Abbandonato ai propri dispositivi, il sistema di misurazione valutativa a 1.200 zone ha funzionato bene e ha prodotto immagini ben bilanciate, sebbene con la simulazione dell'esposizione disponibile nel mirino (mi dispiace, Tru-Finder), ci siamo ritrovati a raggiungere la modalità manuale dell'A6400 il più delle volte . L'autofocus funziona bene e l'eccellente copertura dei punti di autofocus, che copre praticamente l'intero fotogramma, semplifica l'impostazione. Quelli con un debole per la messa a fuoco manuale troveranno - come nella maggior parte delle fotocamere mirrorless - che l'anello di messa a fuoco manuale sull'obiettivo è un po 'frustrante da usare rispetto all'ottica precisa di un obiettivo DSLR, ma con sia l'ingrandimento del punto di messa a fuoco che il picco di messa a fuoco, ottenere un'immagine nitida manualmente è abbastanza semplice.

Immagine 9 di 14

Un'area in cui l'A6400 eccelle davvero è la sua velocità di scatto continuo. A tutto gas, Sony afferma di sparare a 11 fps e, nei nostri test, ha sparato 44 file non elaborati in poco meno di quattro secondi e mezzo prima di mettere in pausa il buffer, una velocità finale di 10,2 fps. Se sei felice di girare JPEG, puoi spruzzare con un abbandono ancora più selvaggio: l'A6400 ha girato 113 JPEG di alta qualità in 10,8 secondi prima del buffering, una velocità di 10,5 fps. Entrambi questi risultati della massima velocità sono con l'autofocus bloccato dal primo fotogramma e, usando il tracking dell'autofocus, la migliore velocità che abbiamo visto in JPEG è stata di 8fps ancora agili. Basti dire che, se l'azione è la tua marmellata, l'A6400 continuerà bene.

LEGGI SUCCESSIVO: Le migliori fotocamere per vlogging

L'A6400 gestisce bene ISO più elevati, ma, inevitabilmente, non così come le fotocamere full frame sulle cui dita spera di camminare. Fino a ISO 1600 le immagini erano difficili da distinguere, anche se i limiti superiori di quella gamma mostravano un po 'di grana. Aggiungi uno stop e le immagini a ISO 3200 hanno mostrato un rumore significativo e lo stop oltre a quello - e tutto ciò che va oltre - dovrebbe essere considerato solo per un uso di emergenza. L'A6400 può scattare ISO fino a 102.400 quindi, se desideri una fotocamera che produca immagini utilizzabili ovunque vicino a quel tipo di sensibilità, ti consigliamo di cercare altrove. Se ami scattare con una luce di buona qualità, l'A6400 non ti deluderà.

Recensione Sony A6400: qualità video

Ci aspettiamo cose positive dalle apparecchiature Sony in termini di funzionalità video e qualità, ma anche così siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal modo in cui Sony ha gettato il lavello della cucina all'A6400. Non per questa fotocamera le caratteristiche video ridotte di altri dispositivi di consumo. Invece, ottieni riprese XAVC 4K (avrai bisogno di una scheda UHS-I o UHS-II U3 ​​per questo, mente) a 25fps. In alternativa puoi scattare in Full HD a 25, 50 o 100 fps. Puoi anche scattare proxy in-camera e in S-log, rendendo l'A6400 una fotocamera molto capace per i vlogger o un'eccellente fotocamera per chi desidera produrre video flessibili di alta qualità senza spendere una fortuna.

Recensione Sony A6400: verdetto

Una fotocamera davvero eccellente, è probabile che la A6400 spari un sacco di scatole quando si tratta delle esigenze dei fotografi di tutto il mondo. È abbastanza piccolo da essere correttamente portatile ma con un'eccellente qualità d'immagine e una potenza sufficiente per rendere felici i fotografi se stanno scattando paesaggi statici o azioni feroci. La libreria di obiettivi non può essere difettosa, in particolare per i fotografi avanzati o aspiranti professionisti, e l'A6400 è molto capace quando si tratta di video.

Immagine 8 di 14

È imperfetto, ovviamente. La qualità delle immagini a valori ISO elevati non è del tutto soddisfacente (sebbene l'A6400 sia eccezionale nella sua zona di comfort) e la durata della batteria potrebbe essere migliore. C'è anche la concorrenza: se sei abbastanza fortunato da avere un grande da risparmiare su una fotocamera, l'A6400 sta mantenendo una compagnia piuttosto illustre. Ma per prestazioni a tutto tondo, maneggevolezza e valore, l'A6400 è - in questo momento - la fotocamera da battere a questo prezzo.

Vedi Offerta su amazon.it
Lingue
Spanish Bulgarian Greek Danish Italian Catalan Korean Latvian Lithuanian Deutsch Dutch Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Turkish French Hindi Croatian Czech Swedish Japanese